Domenica 3 Aprile

II DI PASQUA o della Divina Misericordia

Tommaso

 Clicca quì per scaricare il foglio di collegamento Domenica 3 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 20, 19 – 31)

 La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Clicca sul player per ascoltare il vangelo.

Erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per paura dei Giudei.
Una comunità chiusa, impaurita, a porte sbarrate; Tommaso no, lui va e viene, è un coraggioso (aveva esortato i suoi compagni: andiamo anche noi a morire con lui !).
Lì dentro si sentiva mancare l’aria.
Abbiamo visto il Signore, qui, quando tu non c’eri, gli dicono.
E lui: se non vedo con i miei occhi non vi cred
o.
Tommaso è un prezioso compagno di viaggio, come tutti quelli, dentro e fuori della chiesa, che vogliono vedere, vogliono toccare, con la serietà che merita la fede; tutti quelli che sono esigenti e radicali, e non si accontentano del sentito dire, ma vogliono una fede che si incida nel cuore e nella storia.
Che bello se anche nella Chiesa fossimo educati con lo stile di Gesù, che formava più alla serietà e all’approfondimento, alla libertà e al coraggio, che non all’ ubbidienza. Esortava: non pensate pensieri già pensati da altri . Per non fare spreco dello Spirito.
Poi il momento centrale: l’incontro con il Risorto.
Gesù invece di imporsi, si propone, si espone: Metti qui il tuo dito; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco .
Gesù rispetta la sua fatica e i suoi dubbi; rispetta i tempi di ciascuno e la complessità del vivere.
Non si scandalizza, si ripropone con le sue ferite aperte.La risurrezione non ha richiuso i fori dei chiodi, perché la morte di croce non è un semplice incidente da superare, è invece qualcosa che deve restare per l’eternità, gloria e vanto di Cristo, il punto più alto, la rivelazione massima dell’amore di Dio.Nel cuore del cielo sta, per sempre, carne d’uomo ferita.
Nostro alfabeto d’amore.
Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto !
Ecco una beatitudine che sento finalmente mia, le altre le ho sempre sentite difficili, cose per pochi coraggiosi, per pochi affamati di immenso.
Finalmente una beatitudine per tutti, per chi fa fatica, per chi cerca a tentoni, per chi non vede, per chi ricomincia.
Beati voi… grazie a tutti quelli che credono senza necessità di segni, anche se hanno mille dubbi, come Tommaso.
Sono quelli che se una volta potessero toccare Gesù da vicino – vedere il volto, toccare il volto – se una volta potranno vederlo, anch’essi diranno:Mio Signore e mio Dio!

Tommaso2

PREGHIERA

Signore,Tu hai mostrato ai tuoi discepoli

le mani segnate dai chiodi, il fianco squarciato dalla lancia.

Aiutaci a fare della nostra vita l’incontro con Te e con i fratelli.

Aiutaci a compiere il passaggio dal dubbio alla fede piena.

Tu hai detto: «Beati coloro che pur non avendo visto crederanno».

Fa’ che noi possiamo professare la fede nella tua divinità.

Permetti che  anche noi, come Tommaso,

ci abbandoniamo  a Te dicendo:“Mio Signore” e mio Dio.