Domenica 12 Marzo

II di Quaresima

QuarA2-w2

 

Clicca quì per scaricare il foglio di collegamento della Seconda Domenica di Quaresima

Dal Vangelo secondo Matteo ( Mt 17, 1- 9)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». All’ udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Clicca sul player per ascoltare il vangelo di questa domenica

Gesù salì su di un alto monte.

I monti sono come indici puntati verso il mistero e le profondità del cosmo, raccontano che la vita è un ascendere verso più luce, più cielo.

Lassù il volto di Gesù brilla come il sole, le sue vesti come la luce.

Quel volto di sole è anche il nostro volto: ognuno ha dentro di sé un tesoro di luce, un sole interiore – voi siete luce del mondo –  una bellezza che condividiamo con Dio.

Ci sorprende la Quaresima, un tempo che consideriamo triste, penitenziale, violaceo, con un vangelo di luce, a ricordarci che la vita spirituale consiste nella gioiosa fatica di liberare la luce e la bellezza sepolte in noi, e nell’aiutare gli altri a fare lo stesso.

La cosa più bella che un amico può dirmi è: sto bene con te perché tu fai uscire, fai venire alla luce la mia parte più bella.

Spesso addormentata in noi,come in letargo.

Il Vangelo viene per questo, viene come una primavera: porta il disgelo nei cuori, risveglia quella parte luminosa, sorridente, generosa e gioiosa che abbiamo dentro, il nocciolo, il cuore, la nostra vera identità.

Lo stupore di Pietro: che bello qui! Non andiamo via… ci fa capire la nostra vocazione. Siamo chiamati tutti a trasfigurazione, a ricevere un cuore di luce.

Contemplando il Signore, veniamo trasformati in quella stessa immagine.

Contemplare, trasforma; tu diventi ciò che guardi con gli occhi del cuore.

Pregare ci trasfigura in immagine del Signore.

L’entusiasmo di Pietro ci fa inoltre capire che la fede per essere forte e viva deve discendere da uno stupore, da un innamoramento, da un «che bello!» gridato a pieno cuore.

Perché io credo? Perché Dio è la cosa più bella che ho incontrato. E da lui acquisisco la bellezza del vivere.

   Che è bello amare, abbracciare, avere amici, esplorare, creare, seminare, perché la vita ha senso, va verso un esito buono, che comincia qui e scorre nell’eternità.

Allora la Quaresima, più ancora che a penitenza, ci chiama a conversione: a girarci verso la luce, così come la natura si gira in questi giorni verso la primavera.

Allora smettiamola di sottolineare l’errore negli altri.

Staniamo, snidiamo in noi e in ognuno la bellezza della luce, invece di fustigare le ombre!

Una nube luminosa li coprì. E una voce:

Questi è il Figlio mio. Ascoltatelo.

Sali sul monte per vedere e Dio risponde offrendo parole, le parole lucenti di Gesù: ascoltate Lui.

Il primo passo per essere contagiati dalla bellezza di Dio è l’ascolto, dare un po’ di tempo e un po’ di cuore al suo Vangelo.

Che oggi ci regala un volto che gronda luce, per affrontare il momento in cui la vita gronderà sangue.

Ma anche allora, ricordiamo: ultima, verrà la luce.

PREGHIERA

Gesù,

quel giorno sul monte hai offerto agli Apostoli

un anticipo della tua gloria.

Dona anche a noi, Gesù, di capire i segni

della tua presenza, gli sprazzi di luce e di gioia

che vengono da Te.

Donaci di lasciarci accompagnare dalla tua Parola,

che è fuoco che arde e che traccia la via

anche quando  i bagliori si spengono

e la strada si fa oscura.

Donaci la fiducia del discepolo che nell’ora della prova,

nella notte, ricorda il tuo volto luminoso.

Annulla le nostre paure, Aiutaci ad essere cristiani

fino in fondo,  fino alla vetta del monte.