Foglio di collegamento di Domenica 5 Novembre 2017

Pubblicato giorno 4 novembre 2017 - Notizie

XXXI del Tempo Ordinario

Immagine4

Clicca quì per scaricare il foglietto di collegamento della XXXI Domenica del Tempo Ordinario

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 23,1-12)

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: «Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente. Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

Clicca sul player per ascoltare il Vangelo della XXXI Domenica del Tempo Ordinario

Immagine5

Il Vangelo evidenzia due questioni di fondo, che chiunque desideri una vita autentica deve affrontare.

La prima: essere o apparire.

La seconda: l’amore per il potere.

Praticate ciò che vi dicono, ma non fate secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno.

La severità di Gesù non va contro la debolezza di chi vorrebbe ma non ci riesce, bensì contro l’ipocrisia di chi finge.  Verso la nostra debolezza Gesù si è sempre mostrato premuroso, come il vasaio che, se il vaso non è riuscito bene, non butta via l’argilla, ma la rimette sul tornio e la plasma di nuovo, fino a che realizza il suo progetto. Gesù non sopporta gli ipocriti. Ipocrita (termine greco che significa ‘attore di teatro ‘) è il moralista che invoca leggi sempre più dure, ma per gli altri “ legano pesi enormi sulle spalle delle persone, ma loro non li toccano con un dito”; ipocrita è l’uomo di Chiesa che più si mostra severo e duro con gli altri, più si sente giusto, vicino a Dio, mentre è vicino solo alla propria aggressività o invidia verso i fratelli.

Paolo oggi dice: «Avrei voluto darvi la mia vita».

L’ipocrita dice: «Vi ho dato la legge, sono a posto».

L’ipocrita non si accontenta di essere peccatore, vuole apparire buono.

E con la sua falsa virtù fa sì che gli uomini non si fidino più neanche della virtù autentica.

Gesù poi stigmatizza un secondo errore che rovina la vita: l’amore del potere.

Non fatevi chiamare maestro, dottore, padre, come se foste superiori agli altri.

Voi siete tutti fratelli.

E già questo è un primo grande capovolgimento: tutti fratelli, nessuno superiore agli altri, relazione paritaria e affettuosa.

Ma a Gesù questo non basta, e opera un ulteriore capovolgimento: il più grande tra voi è colui che serve.

Il più grande è chi ama di più.   

Il mondo ha bisogno d’amore e non di ricchezza per fiorire.

E allora il più grande del nostro mondo sarà forse una persona sconosciuta, che lavora e ama nel segreto del suo cuore, o un indigeno che vive nelle foreste d’Africa, o uno di voi che legge, o colui o colei che vi è vicino.

Gesù rovescia la nostra idea di grandezza, ne prende la radice e la capovolge al sole e all’aria e dice: tu sei grande quanto è grande il tuo cuore.

Siete grandi quando sapete amare, quando sapete farlo con lo stile di Gesù, traducendo l’amore nella divina follia del servizio: sono venuto per servire non per essere servito.

  È l’assoluta novità di Gesù:

Dio non tiene il mondo ai suoi piedi, è Lui ai piedi di tutti.

Dio è il grande servitore, non il padrone.

Lui io servirò, perché Lui si è fatto mio servitore.
Servizio: nome nuovo, nome segreto della civiltà.

 PREGHIERA

Signore Gesù, liberaci dall’ipocrisia.

E’ una gramigna che ramifica

e tutto invade.

Donaci lo Spirito Santo;

Lui saprà fare di noi dei discepoli capaci

di coerenza e semplicità.

Lui ci metterà alla tua scuola

per servire e amare sempre,

senza nulla ricercare per noi: niente posti d’onore,

ma solo umile donazione fino alla croce quotidiana

abbracciata con amore.

Aiutaci a ritrovare Te e il Padre,

la Chiesa, nostra madre,

e i tanti fratelli vissuti nell’umiltà, nel servizio,

senza sogni di gloria, senza discorsi,

gesti o proclami, ma solo lodando Te,

Gesù.